Home / Lifestyle  / Interior Design  / Desalto: ricerca tecnologica, funzionalità e bellezza

Desalto: ricerca tecnologica, funzionalità e bellezza

desalto

Trasformare gli spazi di vita per abitarli al meglio grazie ad arredi che parlano di bellezza e funzionalità, di design e innovazione, di alta qualità ed emozione. È la missione di Desalto.

 

Una missione che è passione e vive in una realtà industriale che sviluppa e produce arredi e complementi di alta gamma, dal carattere versatile e dalle linee pulite, armoniose e raffinate. La consapevole e solida identità di Desalto si basa su un appassionato orientamento al progetto fatto di ricerca, innovazione tecnica, sapienza artigianale, stile e rigore. Un’identità costruita in trent’anni di storia, tra evoluzione ed equilibrio: una realtà nata dall’azienda di famiglia – ovvero un laboratorio di lavorazione dei metalli attivo in Brianza dal 1963 – e che dal 1990 è tra le più dinamiche e internazionali della produzione italiana di arredi di design, tra spazio domestico e contract.

 

Con libertà di pensiero e attenzione imprenditoriale, Desalto ha sempre incoraggiato un felice dialogo con progettisti di talento che hanno contribuito alla creazione di un catalogo di oggetti curato e articolato, dalla realizzazione impeccabile.

I valori di Desalto

Cura, qualità produttiva, cultura industriale e progettuale: sono i valori del design di Desalto, da vivere negli spazi nell’abitare contemporaneo.

 

Il senso e il linguaggio del design italiano nell’eccellenza delle sue forme contemporanee più originali, tra esigenze estetiche e funzionali: è il risultato della costante ricerca di Desalto.

 

Un impegno riconosciuto a livello internazionale che ha portato anche all’ottenimento dei principali premi della critica e della stampa di settore, tra cui il prestigioso XXIII premio Compasso d’Oro ADI (nel 2014 al tavolo 25, disegnato da Metrica – Fattorini+Rizzini -). Essere parte del mondo del progetto, oggi come ieri, significa fare bene: avere un ruolo strategico, costruire e comunicare valore.

I tavoli architettonici di Desalto

Il tavolo, rappresentante del significato e dei valori che circondano il termine “casa”, è senza dubbio l’oggetto che definisce l’ambiente circostante, caratterizzandone lo stile e condizionandone lo spazio. Ed è proprio il tavolo, in Desalto, ad esprimere e raccontare al meglio il DNA aziendale, un DNA che parla di ricerca tecnologica, di funzionalità e di bello.

TAVOLO 25 – Design Metrica

desalto tavolo 25

Il tavolo 25 è sicuramente uno dei prodotti più rappresentativi ed iconici della produzione Desalto, sintesi perfetta del DNA aziendale.

 

A riconoscimento di queste peculiarità riceve, nel 2014, il prestigioso Premio Compasso d’Oro, per “l’effetto di stupore che suscita la sua esilità in rapporto alle grandi dimensioni che il tavolo può raggiungere”. Ed è in questo stupore che si racchiude tutta l’essenza di uno straordinario progetto, nato dall’idea di Metrica (Fattorini + Rizzini)e realizzato grazie all’expertise ed al know-how di Desalto in campo tecnologico.

CLAY- Design Marc Krusin

desalto clay

Clay è un tavolo-scultura nato dall’incontro di due volumi: il piano e il basamento, in equilibrio uno sull’altro, sperimentano l’appoggio ardito di una sezione ridotta al minimo. Due coni di forma diversa si incontrano ai propri vertici opposti sfidando la gravità in un equilibrio all’apparenza instabile, ma regalando forma al più classico dei tavoli rotondi. Clay è l’eccezione che diventa regola, come il design.

ELEMENT – Design Tokujin Yoshioka

desalto element

Incarnazione perfetta dell’equilibrio dinamico, tra leggerezza e solidità. Un progetto particolarmente complesso nell’ingegnerizzazione che esprime tutta l’esperienza di Desalto nella lavorazione dei metalli.

 

Element è emblema di purezza e poesia, sintesi della cifra progettuale del visionario designer Tokujin Yoshioka.

 

Punto di riferimento a Napoli è Novelli Arredamenti: via Vetriera n.20 www.novelliarredamenti.com

Punto di riferimento a Napoli è Novelli Arredamenti via Vetriera N. 20


Di Tiziana Gelsomino

NESSUN COMMENTO

POSTA UN COMMENTO