Home / Costume & Società  / Attualità  / Festa dell’Immacolata tra origini, curiosità e tradizioni

Festa dell’Immacolata tra origini, curiosità e tradizioni

festa dell'immacolata

Ci siamo, è finalmente arrivata una delle feste più famose e più attese dell’anno, la Festa dell’Immacolata che apre ufficialmente il periodo natalizio. Scopriamo origini, curiosità e tradizioni dell’8 Dicembre!

L’8 dicembre, la Festa Dell’Immacolata Concezione, è tradizionalmente il giorno in cui tutti gli italiani addobbano l’albero, allestiscono il presepe, iniziano i preparativi di Natale e si riuniscono con le famiglie per il pranzo inaugurale dei successivi giorni festivi. Una festa tanto attesa perché, a cavallo del ponte, per qualcuno diventa l’occasione per un weekend fuori porta o per un po’ di riposo.

Festa Dell’Immacolata, le origini antichissime

La festività, in realtà è una delle più importanti festività della religione cattolica e ha origini antichissime nella tradizione cristiana.

 

La data dell’8 dicembre fu individuata da Pio IX proprio in relazione alla nascita della Vergine e alla festa della Natività di Maria. Celebra il concepimento senza peccato della Vergine Maria, infatti Immacolata Concezione significa letteralmente “concepimento senza macchia”. L’attenzione si concentra sulla figura femminile della madre di Gesù, cui la Chiesa attribuisce l’immunità dal peccato originale fin dal primo istante del suo concepimento.

 

Proprio come si legge nella bolla di Pio IX: “la beatissima Vergine Maria fu preservata, per particolare grazia e privilegio di Dio onnipotente, in previsione dei meriti di Gesù Cristo Salvatore del genere umano, immune da ogni macchia di peccato originale fin dal primo istante del suo concepimento e ciò deve pertanto essere oggetto di fede certa ed immutabile per tutti i fedeli”.

Tradizioni in lungo e in largo

Nonostante sia una ricorrenza religiosa, l’Immacolata è uno dei giorni festivi dello Stato Italiano. Attorno alla festa dell’Immacolata Concezione ci sono molte tradizioni in Italia ed all’estero. Tante hanno una matrice che rimanda al mondo contadino, agreste, medievale o persino pagano.

 

In tutta Italia l’8 dicembre dà il via al periodo natalizio, tra addobbi, regali e tradizioni. Nelle case di quasi tutto il Paese si addobba l’albero e si prepara il presepe, tranne a Milano, dove si anticipa tutto di un giorno per festeggiare Sant’Ambrogio, mentre in alcune regioni come Abruzzo, Puglia e Umbria si accendono fuochi e si preparano le frittelle.

 

A Verbicaro, in provincia di Cosenza, viene celebrata la ricorrenza attraverso la convivialità, come suggerisce il suo nome locale “Perciavutta”, letteralmente “aprire la botte”.

 

A Putignano, in provincia di Bari, le celebrazioni per l’Immacolata durano nove giorni gremiti di appuntamenti di preghiera e processioni.

 

In molte zone rurali della penisola, c’è la tradizione, che deriva dal mondo contadino, dei falò. La festa nel passato aveva una forte dimensione collettiva ed era legata al carattere purificatore del fuoco il quale, oltre a riscaldare la Madonna nel passaggio verso Betlemme, allontanava le forze del male, soprattutto in un periodo dell’anno cruciale per la semina dei campi.

 

Uno dei luoghi suggestivi nei quali si perpetra questa tradizione antica è Castellamare di Stabia, in provincia di Napoli.

 

Infine, in questa giornata dal sapore un po’ magico, un po’ dappertutto si inaugurano i mercatini di Natale!

 

Di Annalisa Vernetti

NESSUN COMMENTO

POSTA UN COMMENTO