Pandemia

Ripartire attraversando il fiume della paura

Siamo entrati nel lockdown ad inverno inoltrato e ne usciamo a maniche corte. Fino a tre mesi fa eravamo abituati a salutarci con un bacio, ora siamo costretti a sfiorarci con un gomito. Ovunque andiamo, oggi, nello spazio tra noi e gli altri si configura lo spettro del virus. Il mondo di "prima" non c'è più. Se esiste una vera sindrome post traumatica degli italiani sembra essere questa, la paura di non ritrovarsi, di non ritrovare fuori il mondo che conoscevamo prima. Perché è ormai chiaro che, tra mascherine, distanziamento sociale, ingressi scaglionati, nulla è più lo stesso.
Fase 3

Immaginando la Fase 3: fra emergenza e ripresa economica

L’Università del Sannio si interroga sulla fase 3 e prova a stimolare il dibattito pubblico per la ripresa economica. Il 12 maggio, alle ore 16:30, in diretta sulla pagina Facebook dell'Ateneo il seminario dal titolo: “Immaginando la fase 3, tra emergenza sanitaria e ripresa economica.” A seguito dell’emergenza COVID-19 il tessuto economico dovrà affrontare difficoltà senza precedenti, che in molti casi, soprattutto al Sud e nelle aree interne, si andranno ad aggiungere a debolezze storiche. Confindustria stima all’8% il calo di PIL per il secondo trimestre; FMI prevede che il PIL mondiale andrà giù del 3% nel 2020, peggiore recessione dal 1930. Sempre secondo FMI, in Italia il calo sarà del 9%.