Home / Lifestyle  / Bon Ton  / Galateo in spiaggia

Galateo in spiaggia

Galateo in spiaggia

Ogni impedimento è giovamento” suole dire mia madre quando qualcosa sembra poter ostacolare i suoi programmi. La pandemia è stata una disgrazia che ha colpito l’umanità intera, causando seri stravolgimenti al nostro vivere. Il distanziamento sociale che ci vuole fisicamente lontani, che prevede anche in spiaggia il mantenere la distanza di qualche metro tra le persone, potrebbe essere un’opportunità per rispolverare le regole del galateo in spiaggia rivedendo il nostro comportamento, soprattutto, in relazione agli altri.

 

Mai come ora desideriamo farci un bagno o godere di una bella giornata di sole. Spiaggia vuol dire sabbia con tante forme di gioco e divertimento: corse, partite a pallone o a racchettoni; secchielli e palette per i bambini; tuffi e calate e chi più ne ha più ne inventi.

 

La sabbia e l’acqua possono essere molto divertenti, ma anche molto fastidiosi. Tutto dipende dall’età e dall’idea di divertimento che si ha. Ad esempio, i bambini possono essere creature deliziose o mostri insopportabili, tocca ai genitori occuparsene nel rispetto delle esigenze di gioco dei piccoli come di quelle degli altri bagnanti.

 

Finché si è in una struttura privata ci sono aree suddivise per età e bagnini preposti alla salvaguardia del benessere di tutti. Ma se siamo in una spiaggia pubblica, tocca a noi provvedere. I famigerati metri di distanza possono risultare provvidenziali.

 

Mantenendo gli spazi eviteremo di annoiare il vicino di ombrellone con le nostre chiacchiere o con la musica, parimenti non subiremo schiamazzi indesiderati. Ancora teniamo conto dell’estetica. Costumi succinti o inadatti, oltre a non valorizzarci, sono da evitare in nome del buongusto, oltre che del galateo in spiaggia. Così come i gioielli e gli accessori.

 

Al mare a me viene sempre appetito, e a voi? Ricordiamoci di non mangiare in costume, a meno che non si tratti di un veloce snack. Per le donne è consigliato un pareo sul costume, per gli uomini maglietta e pantaloncini.

 

All’epoca della pandemia teniamo da conto di non toccare aeree comuni, ad esempio sedendoci col costume bagnato sulle sedie del bar. Infine, salutare i vicini sia occasionali che abituali all’arrivo e alla partenza è buona regola. Anche se distano da noi qualche metro come sarà.

 

Quando lasciamo l’ombrellone verifichiamo di non lasciare rifiuti in giro. Occupiamoci del nostro spazio proprio come se fossimo a casa. Ad ultimo, speriamo che la pandemia non sia l’ultima spiaggia, ossia l’ultima possibilità per imparare a comportarci correttamente.

 

Di Gabriella Giglio

NESSUN COMMENTO

POSTA UN COMMENTO