Home / Costume & Società  / Sociale  / Anziani, restate a casa. Alla spesa ci pensa ‘Just panaro’

Anziani, restate a casa. Alla spesa ci pensa ‘Just panaro’

L’iniziativa è dei ragazzi di Insurgencia. Un servizio gratuito di spesa a domicilio per aiutare le persone più a rischio durante l’emergenza Coronavirus.

 

Chi vuole, può anche abbassare davvero il cosiddetto “panaro”, ma non è necessario, le buste della spesa i ragazzi di Insurgencia le lasceranno sul pianerottolo. A Napoli, un gruppo di volontari dell’associazionismo cittadino ha messo su, immediatamente dopo lo scoppio dell’emergenza Coronavirus, un servizio gratuito di spesa a domicilio per anziani, disabili e persone immunodepresse. Per loro, uscire di casa sarebbe veramente troppo pericoloso.

 

Esistono già in città, ovviamente, diversi servizi di spesa a domicilio, da ordinare online, ma non sempre gratuiti e soprattutto di non facile gestione per chi non ha troppa dimestichezza con il web. Così la solidarietà si fa strada. Lo hanno ribattezzato Just panaro, modificando scherzosamente il nome di una nota catena di distribuzione di cibi e bevande a domicilio.  «Siamo attivisti al servizio della città – spiega Davide, uno dei volontari che sta cercando di coordinare il servizio -. E di fronte all’emergenza del nuovo virus, abbiamo deciso di metterci a disposizione dei più deboli».

 

banner

 

Tutti ragazzi giovanissimi, dai 16 ai 25 anni, che vanno al Liceo o all’Università. A dispetto della superficialità dimostrata dai tanti loro coetanei sorpresi nei giorni scorsi a brindare e festeggiare ammassati fuori a bar e localini, nonostante la situazione fosse già delicatissima, loro hanno voluto impegnarsi in prima persona per dare una mano in un momento difficile.

 

«Anche se nessuno può sentirsi immune, siamo tutti della fascia di età relativamente meno a rischio – continua Davide – perciò ci siamo sentiti in dovere di aiutare chi invece è più vulnerabile. Portiamo loro frutta, verdura, generi alimentari di qualsiasi tipo ma anche medicinali. Abbiamo avuto già parecchie richieste».
La pubblicità oltre che ai social, poco frequentati dai più anziani, l’hanno affidata a semplici volantini, affissi nei palazzi, a partire da quelli in cui abitano gli stessi volontari.

 

Resta a casa – recita la locandina – la spesa la facciamo noi!”.
Al momento i quartieri coperti sono diversi: dalla Sanità al Vomero, dall’Arenella a Montesanto, da Fuorigrotta ai quartieri spagnoli ma l’obiettivo è provare a coprire tutta la città, perciò l’appello è ai loro coetanei . «Chiunque voglia darci una mano è ben accetto. Naturalmente  tutto nel rispetto della normativa, volta al contenimento del contagio. E dunque con tutti gli accorgimenti del caso: guanti in lattice monouso e mascherine, ove possibile, ma non in ogni rispettando le distanze di sicurezza».

 

La ricompensa più grande? Non ha dubbi Davide: gli occhi commossi delle persone sole e spaventate che in noi, oltre ad un servizio, vedono umanità.

 

Di Annalisa Perla

 

Per utilizzare questa bellissima iniziativa:

3332106131 Sanità (Vergini/Miracoli)
3396917133 Sanità (Vergini/Miracoli)
3921862741 Loggetta/Fuorigrotta
3459028895 Vomero/Arenella
3384110162 Vomero/Arenella
3899419298 Quartieri SpagnoliMontesanto
3888064655 Capodimonte (Porta Grande)
3334719889 Piazza Carlo III (Corallo)
3317351302 Museo (Stella)

 

Oppure contatta la pagina Facebook Insurgencia

NESSUN COMMENTO

POSTA UN COMMENTO