Home / Eventi  / Save The Date Dicembre – Gennaio

Save The Date Dicembre – Gennaio

Save The Date

Felicità tour – Special edition (dal 17 dicembre al 12 gennaio)

Alessandro Siani ritorna a teatro con i monologhi dal vivo ad allietare il pubblico napoletano, accompagnato dal maestro e compositore Umberto Scipione che dal vivo suonerà e segnerà le tappe cinematografiche della sua carriera da ‘Benvenuti al Sud’ a ‘Mister Felicità’, passando per ‘Il Principe Abusivo’ e ‘Si accettano miracoli’.
I monologhi saranno l’occasione per poter raccontare non solo il dietro le quinte di queste pellicole ma anche l’opportunità per poter parlare delle differenze tra nord e sud, tra ricchi e poveri e di sviscerare quelle che si propongono come le nuove tendenze religiose, ma soprattutto evidenziare i tic e le manie di una società divisa tra ottimisti e pessimisti, tra disperati di professione e sognatori disoccupati.

 

Teatro Diana – via Luca Giordano, 64, Napoli.

Coez – È sempre bello in tour (12 dicembre)

Tappa partenopea per Coez, all’anagrafe Silvano Albanese, che si è affermato come uno dei più amati e apprezzati artisti del nuovo cantautorato italiano. Il rapper di Nocera Inferiore vanta sette dischi di Platino per ‘La musica non c’è’, tre dischi di Platino per ‘Faccio un casino’ e ‘Le luci della città’, e un Platino per ‘E yo mamma’ e ‘Ciao’. Tutte canzoni che rivelano una maturità di scrittura e di sound, mantenendo la costante delle tematiche che lo hanno caratterizzato fin da subito: toni struggle, amori tormentati e situazioni difficili, specchio della sua generazione.
Nel 2019, a 10 anni dall’inizio della sua carriera solista, esce ‘È sempre bello’, il singolo che dà il nome al suo tour.

 

Teatro Palapartenope – Via Corrado Barbagallo 115, 80125, Napoli.

Festa del torrone e del croccantino (7 e 8, 14 e 15, 21 e 22 dicembre)

Nel corso dell’ormai consueta manifestazione, i Maestri Torronai lungo la “Via del Torrone” offriranno croccantini speciali per tutti i gusti, che celebrano il dolce sammarchese: dalle ricette gourmet al gelato, alle preparazioni con agrumi, cioccolato, caffè, uvetta, miele, passando per i torroni artigianali, preparati al momento e con ingredienti naturali di altissima qualità.
Non mancheranno i consueti appuntamenti con mostre di fotografia e di arte, artisti di strada, laboratori per bambini, convegni e visite guidate del Centro Storico e delle aziende dolciarie.

 

San Marco dei Cavoti – Benevento.

Lo Schiaccianoci (dal 21 dicembre al 5 gennaio)

L’opera di Piotr I. Tchaikovsky, che venne rappresentata per la prima volta nel Teatro Mariinsky di San Pietroburgo il 18 dicembre 1892, rivive sul palco del Massimo partenopeo con la direzione di Karen Durgaryan, la scenografia di Nicola Rubertelli e i costumi di Giusi Giustino. Il balletto in due atti e tre scene, coreografato da Giuseppe Picone, è basato su uno scenario di Marius Petipa dalla versione di Alexandre Dumas padre del racconto di E. T. A. Hoffmann, ‘Nussknacker und Maüseköni’ (Schiaccianoci e il Re dei Topi).

 

Teatro di San Carlo – Via San Carlo, 98/F, 80132 Napoli

Mercatini di Natale (30 novembre – 6 gennaio)

Il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa si trasformerà nella città del Natale, regalando ai visitatori emozioni indimenticabili. Le tipiche casette di legno, saranno decorate e illuminate a festa, ricolme di addobbi ed oggetti di ogni genere: decorazioni fatte a mano per impreziosire l’albero di Natale ed abbellire la casa, idee regalo creative, artigianato artistico di qualità e leccornie tipiche arricchiscono l’offerta.
Tra locomotive a vapore, locomotive elettriche trifase, locomotive a corrente continua, locomotori diesel, elettromotrici, automotrici e carrozze passeggeri sarà possibile girovagare e respirare l’aria di festa, intrattenuti da elfi, maghi, giocolieri e spettacoli dal vivo con musicisti e comici come Simone Schettino e Peppe Iodice.

 

Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa – Portici – Napoli.

Branding Dalì – La costruzione di un mito (fino al 2 febbraio)

La mostra di Salvador Dalì, organizzata da LelesArt in collaborazione con Con-fine edizioni e Me-diterranea Art e con il patrocinio del Comune di Napoli, mette in luce l’operazione di branding di se stesso attuata dal genio catalano durante tutta una vita. Un insieme di più di 150 opere tra pregiate serie grafiche, manifesti, libri, oggetti in porcellana, vetro, argento, terracotta svelano la sua strategia: trasferire l’aura di unicità dall’opera d’arte all’artista, dai suoi capolavori a se stesso.
Il mito di Dalì viene costruito dall’artista stesso con metodo e dedizione quasi ossessiva, a partire dall’immagine iconica con i baffi all’insù.
Il genio catalano ha fatto largo uso di tecniche di moltiplicazione meccanica dell’immagine, come la stampa tipografica, con cui ha illustrato numerosi capolavori letterari come La Divina Commedia, e ha apposto il suo stile unico e inconfondibile su oggetti d’uso e quasi triviali, come le carte da gioco.

 

Palazzo Fondi – Via Medina 24 80133 Napoli.

NESSUN COMMENTO

POSTA UN COMMENTO