Home / Sport  / Altri Sport  / FEDERICA SALPA ALLA VOLTA DELLA 1001VELACUP

FEDERICA SALPA ALLA VOLTA DELLA 1001VELACUP

Seconda partecipazione per FEDERICA alla 1001velaCUP.  L’imbarcazione progettata e costruita dagli studenti del Sailing Team del Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Napoli Federico II, prenderà parte alla regata per imbarcazioni progettate e costruite dagli studenti di Università Tecniche italiane ed Europee.

Per la regata di quest’anno piccoli ritocchi e un nuovo equipaggio coordinato ancora una volta da Carlo Bertorello, docente di Architettura navale. La continuità è assicurata dallo SHORE TEAM tutto del Dipartimento di Ingegneria Industriale , con Gianluca Iovinella e Giuseppe Soriano mentre la call di Ateneo per la selezione dell’equipaggio ha portato la new entry di Raffaele Giusti, studente del corso di Ingegneria dei Materiali come uomo di prua e al timone Marcello Spagnuolo del Dipartimento di Ingegneria Navale. In questi giorni, ospiti del Circolo Remo e Vela Italia, le prime uscite del nuovo equipaggio. La prossima settimana a Palermo, inizia la regata organizzata dal Circolo della Vela Sicilia, eletto quest’anno Challenger of Record, rappresentante degli sfidanti alla prossima Coppa America.

«Quest’ anno sarà una competizione durissima che prevede almeno 14 partecipanti tra cui barche nuove, curatissime, ma anche equipaggi esperti che per il gruppo del DII 1001VELA Cup è sfida in regata, ma è più ancora un’occasione didattica preziosa – sottolinea Carlo Bertorello .- Alla tesi di Laurea che è stata il progetto di Federica ne sono seguite altre che hanno approfondito aspetti di dettaglio e due che rappresentano l’evoluzione, la nuova barca che prenderà forma nel 2019».

Dopo il successo del MIDWINTER INDOOR TROPHY nel 2017, nel prossimo inverno la Vasca Navale del Dipartimento di Ingegneria Industriale, sarà di nuovo protagonista di una competizione indoor e questa volta si valuteranno le proposte per il sostentamento idrodinamico, un tema di grande attualità nella della progettazione di barche a vela e non solo da regata.

«Ma ora è tempo di sfidarsi in mare, curare gli ultimi dettagli della messa a punto – continua il professore e conclude – gli studenti del sailing team sono ancora una volta un gruppo coeso ed affiatato, pronti alla sfida, a mettere in gioco le proprie idee ma anche ad osservare, comprendere e far tesoro di quelle altrui. Provano da ingegneri, tra non molto lo saranno».

NESSUN COMMENTO

Spiacente, i commenti al momento sono chiusi.