Home / Food  / Recensioni

Lo Chef Marco Caputi che firma la proposta culinaria si aggiudica il premio come “Migliore rapporto qualità – prezzo”

0

Di Giampiero Prozzo Quattromilacinquecento metri. Un infinito balcone a mezz’aria sulla città. Il Corso Vittorio Emanuele unisce orizzontalmente le due Napoli, quella residenziale della collina e l’operosa del centro storico e contemporaneamente separa, tagliandola verticalmente, quella alta del Vomero dalla spiaggia di Chiaia. È qui che dal 1870 il Gran Hotel Parker’s accoglie tutti gli illustri del globo, curiosi della città e delle sue storie. Una esperienza a 360 gradi nelle comodità del lusso che da luglio si apre quotidianamente a tutti con la nuova sala

0

Il marchio storico, nato nel 1919, torna in commercio grazia al brand Peroni. Affinito, brand manager Peroni: «Un omaggio alla città, alle sue bellezze e ai suoi sapori» Di Vincenzo Sbrizzi Tutti i nomi dei singoli quartieri sull'etichetta della birra. È questo l'omaggio che la Peroni ha voluto fare a Napoli facendo rivivere la Birra Napoli. Il marchio storico nato nel 1919 torna in vendita con un nuovo aspetto ma con il sapore di sempre. È questo lo spirito che ha animato la sfida della rinascita di un

0

Lo chef stellato alle redini del ristorante Indaco dell'hotel Regina Isabella di Ischia propone una cucina tra tradizione e innovazione. «La gastronomia? Non ha classi sociali, è espressione della curiosità umana»   Oppure l’inciso tra virgolette cambiare con: Il gusto non ha gerarchie ma è espressione della curiosità umana  Di Francesca Saccenti I suoi piatti possono nascere da un amore, da una delusione e perché no, anche dai quadri di Pollock o da antiche opere della Magna Grecia. L’ispirazione dello chef stellato Pasquale Palamaro non ha confini e risiede nelle sfumature dell’animo umano che sfociano in una

0

Di  Gianluca Balestrieri   Ormai ci siamo, il periodo è perfetto, fra autunno e l’inverno. È tempo di gustare il dolce della tradizione napoletana per antonomasia: il torrone. Diverse le teorie circa la sua origine. Si ritiene che derivi da una preparazione di miele, albume e mandorle presente nell'antica Roma; un'ipotesi successiva collegherebbe la ricetta agli arabi che l'avrebbero diffusa nel Mediterraneo quale cibo corroborante. Una leggenda cremonese, infine, identificherebbe il primo torrone tradizionale nel dolce di mandorle e miele a forma di torre preparato dai cuochi di

0

Salvatore Bianco, chef stellato de Il Comandante dell’Hotel Romeo di Napoli, si ispira ai quadri del pittore Giorgio de Chirico per raccontare la sua filosofia culinaria   Di Francesca Saccenti  C’è una piazza assolata in cui i contorni dei palazzi e delle statue antiche si riflettono nelle strade creando forme geometriche. I personaggi, che siano figure umane o manichini sono congelati, il tempo non esiste, resta il pensiero di quell’attimo rubato al passato. Salvatore Bianco, chef stellato de Il Comandante dell’Hotel Romeo di Napoli, si ispira ai quadri del pittore Giorgio de Chirico per raccontare la sua idea di cucina, una

0

«Un uomo che lavora con le sue mani ed il suo cervello è un artigiano. Un uomo che lavora con le mani, il cervello e il cuore, è un artista». Gennaro Esposito, due stelle Michelin e chef patron de La Torre del Saracino, per spiegare questa differenza prende in prestito una massima di San Francesco D’Assisi: perché il cuoco che riesce a unire tecnica, creatività e amore rende il suo lavoro un’arte.   Tutto ha inizio con il caldo dell’estate, quando da ragazzino lo chef di Vico Equense, inizia a lavorare nel laboratorio di pasticceria dello zio Giovanni Fraddanno.

0

Di Gianluca Balestrieri Ormai l’estate è agli “ sgoccioli” e allora non si può non pensare al Gelato! Non è facile attribuirvi una “paternità”. Le sue radici risalgono al ‘500. Quando un gentiluomo palermitano, Francesco Procopio dei Coltelli, trasferitosi a Parigi alla corte del Re Sole, aprì il primo caffè-gelateria della storia, il  famosissimo caffè Procope.   Ma il successo del “cono”, che permetteva di gustare il gelato passeggiando, è dovuto a un nostro concittadino, un certo Spica che nel 1959 inventò il Cornetto, ancora oggi uno dei gelati più popolari al mondo. Si tratta, infatti, di un wafer che, a contatto con il gelato, non diventava troppo umido, grazie a uno

0

Il volto di Made in Sud Mariano Bruno presenta, nelle nuove vesti di ristoratore, l’agriturismo aperto con il socio di oggi e l’amico di sempre Andrea Vento. Di Francesco Monaco Se pensi a Mariano Bruno, ti vengono in mente subito Pigroman, La mucca di Caserta, Lupin. Tutti volti che il grande pubblico ha imparato a conoscere e apprezzare grazie alla trasmissione Made in Sud. Ma se hai modo di incontrarlo alla Fattoria Vento, l’agriturismo che ha aperto con il suo socio e amico storico Andrea Vento, titolare di sei agenzie viaggi in tutta la Campania (Volla, Aversa,

0

Da un’idea di Fabio Ditto il marchio della birra prodotta in Campania rimanda a un’esclamazione di stupore detta alla napoletana. «Un simbolo identitario evidente fin dal nome». Di Valeria Sannino KBirr potrebbe essere semplicemente un’ esclamazione positiva per dire alla napoletana ‘Wow che birra!’ è invece è anche il nome di una birra prodotta a Napoli da un’idea di Fabio Ditto, patron e general manager del marchio che, nel 2015, ha l’intuizione di introdurre sul mercato un prodotto che, al pari della pizza, fosse fortemente identitario. «La mia

0
1 2