KFC – Programma Harvest Recupero

Il ristorante KFC – Kentucky Fried Chicken di Pompei dona il pollo in eccedenza alla mensa dei poveri Papa Francesco gestita dal Sovrano Militare Ordine di Malta. KFC e’ la prima catena fast food in Italia a realizzare un progetto di recupero e donazione delle eccedenze alimentari, in collaborazione con la Fondazione Banco Alimentare.

Milano, 26 novembre 2018 – KFC è la prima azienda della ristorazione veloce in Italia a intraprendere un’iniziativa di recupero e donazione delle eccedenze alimentari. È il programma Harvest, che si inserisce nel percorso indicato dalla legge Gadda 166 del 2016 ed è realizzato in collaborazione con la Fondazione Banco Alimentare.
Fra i protagonisti del progetto c’è il ristorante KFC di Pompei presso il Centro Commerciale La Cartiera, che, attraverso il Banco Alimentare della Campania, dona il pollo fritto in eccedenza alla mensa dei poveri Papa Francesco di Pompei, gestita dal Sovrano Militare Ordine di Malta.
Antonio Laiena, amministratore delegato di 2K16 Spa, l’azienda che gestisce in franchising il ristorante KFC di Pompei dichiara: “Siamo felici non solo di poter contribuire a ridurre gli sprechi ma soprattutto di aiutare persone in difficoltà donando il pollo che prepariamo e che non viene venduto. Con il nostro ristorante di Pompei KFC realizza per la prima volta nel Sud Italia questo programma che portiamo avanti con orgoglio. È un impegno che abbiamo assunto con grande convinzione e al quale si dedicano con passione ed entusiasmo tutte le persone che lavorano nel nostro locale. Sono loro i veri protagonisti di questa iniziativa, loro che ogni giorno gestiscono con cura tutti i passaggi di raccolta e conservazione del prodotto da donare”.
“Siamo orgogliosi di realizzare il progetto Harvest nel nostro Paese con un partner autorevole come la Fondazione Banco Alimentare che, attraverso le sue sedi locali, ci consente entrare in contatto in modo capillare con le organizzazioni di assistenza sul territorio, come sta accadendo in Campania – aggiunge Corrado Cagnola, amministratore delegato di KFC Italia – Ci auguriamo che il nostro pollo fritto possa non solo contribuire a nutrire chi ne ha bisogno con un prodotto gustoso e di importante contenuto proteico, ma anche portare a coloro che lo ricevono un senso di festa e un po’ di allegria, come è nello spirito del nostro marchio e del nostro prodotto”.
Il progetto Harvest è partito in Italia a ottobre 2017 e, al 26 novembre 2018, coinvolge 5 ristoranti dei 26 presenti sul territorio, in particolare quelli di Arese (MI), Milano Bicocca, Oriocenter (BG), Curno (BG) e Pompei, e altrettante organizzazioni caritative alle quali sono stati donati 4300 pasti fino ad oggi.

UN AIUTO CONCRETO PER ILE PERSONE IN DIFFICOLTÀ
Le donazioni del locale KFC di Pompei sono destinate alla mensa dei poveri Papa Francesco di Pompei, gestita dal Sovrano Militare Ordine di Malta. Attiva presso la Casa del Pellegrino, dal settembre 2014 la mensa è aperta ogni giorno e, anche grazie alla collaborazione di circa sessanta volontari, assicura un pasto alle persone che ne hanno bisogno, provenienti dalla città e dai comuni limitrofi.
“Il progetto Harvest di KFC è un’iniziativa lodevole – dichiara la dottoressa Maria del Rosario Steardo, responsabile della mensa dei poveri di Pompei – che coniuga il sostegno alle persone in difficoltà con l’esigenza di ridurre gli sprechi alimentari. Un ringraziamento speciale al Banco Alimentare della Campania per aver coinvolto, in questo progetto, la nostra realtà caritatevole che accoglie quotidianamente oltre cento ospiti”.
Nel locale KFC di Pompei il progetto di recupero e la donazione del pollo in eccedenza è partito il 22 ottobre e ha consentito di donare in un mese 600 pasti.
“Il nostro compito e lavoro quotidiano è recuperare cibo per redistribuirlo a chi ha bisogno – commenta Roberto
Tuorto, direttore del Banco Alimentare Campania Onlus – Per farlo bene, bisogna trovare sulla propria strada partner sensibili per poter operare al meglio. Siamo lieti ed onorati di collaborare con KFC, azienda che ha mostrato questa sensibilità e disponibilità”.

UN PROGETTO MONDIALE DAL 1992
Nel mondo sono circa 800 milioni le persone che soffrono la fame e ogni anno si spreca un terzo del cibo prodotto a livello globale: un quarto del cibo sprecato basterebbe a sfamare tutti coloro che ne hanno bisogno. Harvest è un progetto che Yum! Brands Inc. ha lanciato a livello mondiale nel 1992 e al quale KFC ha aderito nel 1999, recuperando e donando fino ad ora oltre 78 milioni di pasti e coinvolgendo oltre 2700 organizzazioni non profit in 20 Paesi.

COME FUNZIONA?
Harvest è un sistema semplice e molto rigoroso. Il pollo fritto di KFC che non viene venduto nell’arco della giornata viene raccolto in appositi sacchetti ad uso alimentare ed etichettato con le informazioni relative a quantità, tipologia del prodotto e data di scadenza. Il pollo così confezionato viene quindi congelato e conservato nelle celle negative all’interno del ristorante, fino al ritiro da parte del Banco Alimentare che provvede a trasportarlo, in apposite borse termiche, e a consegnarlo alla struttura destinataria della donazione sul territorio. Il pollo viene poi distribuito ancora congelato e confezionato alle persone assistite dalle organizzazioni caritative oppure riutilizzato dalle strutture stesse per preparare i pasti nelle loro mense.

Nata negli Stati Uniti nel 1930, Kentucky Fried Chicken è oggi la più famosa catena al mondo di ristoranti che servono pollo. È leader del mercato di riferimento con oltre 22.000 ristoranti in 135 paesi e dà lavoro a 750.000 persone nel mondo. In Italia KFC arriva nel 2014 e conta oggi 26 ristoranti in 9 regioni. KFC è una società del gruppo Yum! Brands Inc. che comprende anche i marchi Pizza Hut e Taco Bell. Con più di 45.000 ristoranti in oltre 140 Paesi, Yum! Brands è una delle più grandi aziende della ristorazione al mondo. www.kfc.it

 

Per ulteriori informazioni
Kosmìos
Luisa Cavagnera – luisa.cavagnera@kosmios.it – 3497665890
Alice Albenga – alice.albenga@kosmios.it – 3395384486