Sport e glamour per la Rolex Capri Sailing week

La storica Regata dei Tre Golfi quest’anno apre la manifestazione velica internazionale legata all’isola azzurra.  Cento imbarcazioni hanno spiegato le vele in notturna dal circolo del Remo e della Vela di Napoli  

Di Adriana Schiavo

Eh sì, questa pare sia proprio la primavera degli inglesi che insieme al Royal  Wedding indiscusso matrimonio dell’anno, si sono aggiudicati  anche la sessantaquattresima Regata dei Tre Golfi, la gara lunga 150 miglia della manifestazione velica Rolex Capri Sailing Week.
Caol Ila R, il Maxi 72 piedi dell’armatore londinese Alex Schaerer, l’imbarcazione più grande di tutte con i suoi 21.95 mt, la prima ad uscire per la partenza al lancio del razzo del comitato di giuria, è volata subito in testa tagliando il traguardo a Capri dopo solo 18 ore, 49 minuti e 24 secondi di navigazione.

Una scenografia degna delle migliori cartoline, “Lì dove il mare luccica”, allo scoccare della mezzanotte dell’11 Maggio, ha fatto da cornice alla partenza di novanta barche salpate dalle acque antistanti il Circolo del Remo e della Vela.
Un vento costante, tra i 4-5 nodi, ha accompagnato i regatanti consentendo agli inglesi di doppiare l’Isola di Ponza già alle nove del mattino e di raggiungere il traguardo di Capri sabato alle 19, distaccando i due avversari rispettivamente di due e tre ore. Ad accogliere in banchina i vincitori l’intero staff dello Yacht Club Capri e del Porto Turistico Marina di Capri con il presidente Marino Lembo.

Alla mezzanotte di venerdì, ai piedi di Partenope sventolano bandiere di otto nazionalità; oltre alle italiane si riconoscono le francesi, i britannici, bandiere dell’Olanda, Finlandia, principato di Monaco e di oltre oceano degli Stati Uniti e delle Isole Cayman.

Giunta alla sessantaquattresima edizione, tra le regate d’altura più  antiche del Mediterraneo, la Tre Golfi, organizzata in assoluta  sinergia dallo Yacht Club Italiano, dal Circolo del Remo e della Vela Italia e dallo Yacht Club Capri, da questa edizione è stata inserita  all’interno del circuito IMA Mediterranean Maxi Offshore Challenge  2017-2018, dando il via alla settimana velica della Rolex Capri  Sailing Week.
Centocinquanta miglia, in cui i velisti hanno attraversato i golfi di Napoli, Gaeta e Salerno, veleggiando tra le isole più affascinanti del Tirreno: Procida Ischia, Ventotene, Ponza, Capri e gli scorci  affascinanti della costiera amalfitana e degli isolotti de Li Galli.

Per la prima volta quest’anno, i napoletani appassionati che non hanno  potuto essere presenti alla partenza, hanno avuto l’opportunità di  seguire l’intera regata da uno smartphone grazie a Yellow Brick un servizio di tracking satellitare per conoscere in tempo reale la posizione sul percorso delle imbarcazioni in gara.

Anche per questa edizione, la Tre Golfi ha dato il via alla stagione turistica dell’isola di Capri. Un’isola glamour, da sempre set d’eccezione per le vacanze e lo svago dei più importanti personaggi hollywoodiani, fa da palcoscenico, per l’occasione, al più importante evento sportivo del Golfo di Napoli.
«Questo evento, consolidato nel corso degli anni, apre la stagione turistica dell’isola azzurra – commenta il Presidente dello Yacht Club Capri Marino Lembo-. La formula è quella dello sport
ad altissimo livello senza mai tralasciare un tocco glamour, offrendo  così agli ospiti la possibilità di godersi questo ambiente molto raffinato e chic che offre Capri, insieme al evento e alle condizioni  favorevoli perché si svolga una grande regata. Dalla piazzetta, ai  negozi di lusso fino ai locali notturni, un ambiente dalla connotazione molto mediterranea chic». 

Non solo. «Questa stagione si apre – continua il Presidente – ma l’isola di Capri oltre ad attrarre grandi yacht e grandi imbarcazioni riesce a soddisfare anche un turismo che arriva qui per godersi le nostre bellezze, la nostra cultura e la nostra storia. Quindi non solo glamour ma anche cultura e passeggiate tra sentieri, ville, monumenti». 

Un luogo mitico insomma, “dove la natura incontra la bellezza”, per citare il grande La Capria e dove i velisti, da 64 anni, continuano ad augurarsi “Buon vento!”, tra un aperitivo al tramonto e un caffè in piazzetta.