SU IL SIPARIO DEL NAPOLI TEATRO FESTIVAL ITALIA

Al via l’undicesima edizione: 34 giorni di programmazione, 85 compagnie, 160 spettacoli per la kermesse diretta da Ruggiero Cappuccio

È una delle realtà più significative del panorama teatrale internazionale, il Napoli teatro festival Italia arriva alla sua undicesima edizione e quest’anno gli organizzatori, guidati per la seconda volta da Ruggiero Cappuccio, hanno deciso di impressionare ancor di più il pubblico con 160 alzate di sipario e 85 compagnie coinvolte. 

Dall’8 giugno al 10 Luglio il capoluogo partenopeo farà da sfondo alla kermesse organizzata dalla Fondazione Campania dei Festival, società in house della Regione Campania presieduta da Luigi Grispello. Tanti i luoghi di Napoli e della regione coinvolti: oltre i teatri classici il Festival farà tappa al Museo Madre, Palazzo Serra di Cassano, Palazzo Fondi, la Chiesa della MisericordiellaDonnaregina Vecchia, Villa Pignatelli, Cappella Pignatelli.
E ancora: il Duomo di Salerno, l’Abbazia di Mercogliano, il Duomo di Amalfi, la Reggia di Caserta, il teatro naturale di Pietrelcina. 

Ricongiungere in maniera organica tutte le arti della scena con esperienze multidisciplinari e trasversali declinate in 11 sezioni è l’obiettivo che il Festival intende portare avanti sino all’edizione del 2020. 

Dalla sezione internazionale a quella italiana, passando per le classiche dedicate alla danza, alla musica e alle istallazioni fino ad arrivare alla sezione chiamata “osservatorio”, interessante spazio dedicato ai progetti di start up teatrali di indubbia qualità al fine di sostenerne il processo produttivo. La sezione di prosa con 55 spettacoli di cui 9 internazionali è la più corposa.   

Particolarmente significativo lo spazio destinato alla sezione dei laboratori, che sintetizza uno dei nodi centrali del NTFI 2018 ovvero il rapporto tra i Maestri e i giovani talenti, l’incontro tra i linguaggi e le generazioni unite nella trasmissione dei saperi. Durante tutta la programmazione ci saranno 14 laboratori  riservati a 600 attori under 35 che potranno confrontarsi con grandi maestri del teatro. 

Non solo. Al Palazzo Reale di Napoli sarà la sede della Casa del Festival. Qui si svolgeranno proiezioni, incontri, spettacoli, mostre e concerti e nel suo Giardino Romantico sarà allestito lo spazio del Dopofestival. 

Come ogni anno l’obiettivo del Festival è fare arte per tutti, per questo i biglietti saranno a costo popolare da 8 a 5 euro con agevolazioni per le fasce sociali più deboli.