Miele di Manuka, il nettare degli dei

La pianta è stata utilizzata per secoli dai Maori per le sue proprietà terapeutiche.
Antibatterico e antibiotico, è un ottimo unguento per alleviare i bruciori della pelle

a cura di Valeria Sannino

Il miele di Manuka è un miele dalle proprietà eccezionali e deriva dal “manuka”, un arbusto dalle foglie odorose e con piccoli fiori bianchi e rosa molto profumati  che cresce allo stato selvatico nelle terre vergini della Nuova Zelanda, in condizioni climatiche avverse.  Il suo breve periodo di fioritura, di circa sei settimane, concede alle api un ristretto periodo di bottinatura del prezioso polline.

Questa pianta è stata utilizzata per secoli come rimedio dai Tohunga, i guaritori Maori, che erano sciamani. Le foglie e la corteccia si utilizzavano come decotto per alleviare le problematiche del cavo orale e respiratorio, oppure per risolvere i problemi della pelle se applicato sulla zona da trattare.

Infatti il miele di Manuka, dopo essere stato oggetto di numerosi studi scientifici che ne hanno dimostrato le proprietà curative, è oggi proposto come prodotto base oppure preparato insieme ad altri ingredienti naturali e biologici.

La particolarità di questo miele è la sua funzione antibatterica e antibiotica con grandissime proprietà terapeutiche. La sua azione è dovuta alla presenza di un principio attivo noto come Metiglossale (MGO). Questo componente è una delle molecole responsabili dell’attività unica di alcuni tipi di miele di Manuka e il valore contenuto in ogni vasetto è indicato su ogni etichetta.

Questo particolare miele ha una doppia valenza: può avere un uso interno ed un uso esterno.  Infatti, può essere ingerito in quantità di due cucchiaini al giorno da sciogliere lentamente in bocca. In questo modo aiuta a liberare le vie respiratorie e a combattere condizioni di bronchite, asma, congestione nasale e mal di gola. Tale unguento permette inoltre di rafforzare il sistema immunitario e di prevenire raffreddori, influenze stagionali e disturbi gastrointestinali.

Ma il miele può essere anche applicato direttamente sulla zona da proteggere e coperto con una garza. È un valido aiuto contro le eruzioni cutanee, per le punture di insetti o leggere bruciature ed ha un effetto riparatore per la guarigione delle pelli molto secche.