BABBO NATALE E O’ MONACIELLO

 

Molti, moltissimi anni fa un incontro assai bizzarro avvenne tra le vie misteriose della Napoli storica, esattamente alla via dei Tribunali, proprio all’ingresso della Napoli Sotterranea. Era notte fonda, le luci dei bassi da tempo erano state spente; per strada, solo l’odore dei camini e dei banchetti da poco consumati inebriava la città. A pochi metri dall’ingresso per le vie dei pozzi, un personaggio appariva nella notte; un omino minuto e ricurvo se ne stava appoggiato a un muretto di pietra, circondato da grossi sacchi di juta intonando: 

Napule è ‘a mia, oggi t’aspetto ‘ccà, ogni anno m’e ‘ngannato, ma chesta vota t’aggio anticipato. 
E criature hanna sapè che e’ pazzielle ‘e porta ‘o munaciello d’o quartiere. 
A tradizione è cosa assai importante, dint o pozzo c’passo io, tu tieni a panza pesante. 

Un rumore di campanelle arrivò dal cielo, a terra si posò un gruppo di renne, fiere ed eleganti, con al traino una slitta stracolma di pacchi, un uomo panciuto vestito di rosso scese dalla slitta, la sua folta barba bianca era inconfondibile per l’uomo con il mantello, era di nuovo lui! Babbo Natale! Gli sguardi che si scambiarono in quell’istante non furono certo amichevoli; Babbo Natale esordì dicendo: «Sono anni che va avanti questa storia! Fammi passare, ho dei doni da consegnare!», l’uomo con il mantello si mise davanti alle cancellate dei sotterranei e disse: 

Song o’ Monacièll Napulitanò, tengo io e’ chiavì d’a cìttà, stà porta nun l’hai passà. 
Tieni assai gente a visità, nun fa tardi, sagli n’coppa a slitta e vattenne luntano, è ‘o mio ‘o popolo Napulitano. 
Dici una parola, una sultanto ‘e renne toje spariranno comme d’incanto.  

Babbo Natale rimase in silenzio qualche istante, e poi aggiunse:  

Siete un popolo assai curioso, qui nulla è scontato e rigoroso, 
basti pensare alle vie d’accesso, preferite un pozzo ad un caminetto, 
date fiducia a un mantello sgualcito, piuttosto che a un uomo di rosso vestito 

Nella vostra mano lascio il Natale Napoletano! Ma con un patto che va sigillato! 
A tutti i bambini porterò i doni, e che il Monaciello mai li abbandoni! 
Ogni anno qui ci incontreremo, e assieme il Natale onoreremo, 
tu per il pozzo io nel camino e un felice Natale a ogni bambino! 

 Deborah Cannas