Raito, la costiera da scoprire

a cura di Vincenzo Sannino

Famosa per le sue scalinate, la frazione di Vietri sul mare nasconde un borgo unico nel suo genere (o dalle tante seduzioni).
Ah, se fosse possibile racchiudere la bellezza del mondo in un unico sguardo, se fosse possibile immaginare un luogo dove vivere sospesi tra il mare più vero ed i monti più prosperosi, immersi nella pace di un borgo dipinto su tela… se solo fosse possibile.
Ebbene, un luogo così esiste, ed è molto più vicino di quanto s’immagini.
Alfonso Gatto, poeta di origini salernitane, definì questo luogo come il “paese dolce per gli inverni, giusto per l’ombra, giusto per il sole e giusto per il male”. Si, il “male”; perché Raito, che apre ai visitatori le porte della costiera amalfitana sorridendo dall’altro della sua verde collina, ha il potere di lenire i nostri mali.
Meno di mille anime popolano un borgo fatto di poche case antiche che, per loro posizione, sono esposte al sole dall’alba al tramonto di ogni giorno dell’anno; e non c’è dimora da cui non si possano posare gli occhi sul panorama più amato del mondo.
Non stupisce che in un borgo in cui i segni dei tempi moderni siano davvero pochi (difficile anche imbattersi in qualche negozietto…), le strade percorribili in auto siano solo due. Non stupisce che, per la sua conformazione, le scale rappresentino il principale strumento di spostamento in paese. Solo in un luogo così possiamo riscoprire la semplicità della vita “civile”, così come sarebbe stato meglio che fosse rimasta sino ad oggi.
E allora, se è vero che la bellezza è ciò che ci resta dentro quando ammiriamo il mondo, è ancor più vero che Raito è il luogo nel mondo dove tale bellezza vive. Vi invito quindi ad alzare lo sguardo quando sarete in quel di Vietri sul Mare (di cui Raito ne è una frazione) e di optare, almeno per una volta, per una meta che della Costiera conserva tutto il colore ed il sapore, ma che si rifiuta di sposarne la mondanità ed il caos, perché non saprebbe cosa farne.
DORMIRE NEL BORGO: B&B “Le Terrazze di Cristina”, atmosfera di grande tranquillità con ambienti immersi nella luce e nel bianco degli arredi e con spazi esterni attrezzati da cui godere dell’immensità del luogo. In Via Piliero n.60.
SAPORI & DELIZIE: Ristorante “Albori Fronte Mare”, racchiuso nel suggestivo scenario dei Monti Lattari, offre un menù di pesce prelibato con una particolare attenzione ai frutti di mare presenti su queste coste. In Via Comunale n.6, nella frazione di Albori.
ATTIVITA’: A Raito, il palazzo nobiliare per eccellenza è senza dubbio la sfarzosa Villa Guariglia. Il proprietario dell’edificio che fu Ambasciatore dell’Ordine di Malta, Raffaele Guariglia, con lascito testamentario lo donò all’Amministrazione Provinciale di Salerno per farne un Centro Studi alla sua memoria. Oggi la Villa è sede del Museo della Ceramica Vietrese dove sono in mostra i pezzi in ceramica più rappresentativi della produzione del territorio; partendo dal XVII secolo, fino ad arrivare alla seconda metà del ‘900. Il palazzo è circondato da uno splendido parco a terrazzamenti, valorizzato dalla tipica vegetazione mediterranea. La villa è anche la location di due gli eventi legati alla musica di particolare rilievo: il Concorso Pianistico Internazionale  “Vietri sul Mare – Costa Amalfitana” e i “Concerti d’estate a Villa Guariglia”, entrambi finalizzati ad attirare turisti e dare prosperità all’economica locale.
È curioso segnalare che Villa Guariglia, in tempi recenti, ha fatto da scenario per la fiction televisiva RAI intitolata “Capri”; nella narrazione veniva chiamata “Villa Isabella” ed era la casa di famiglia dei protagonisti della serie.
CURIOSITA’: Raito, Patrimonio dell’UNESCO insieme alla Costiera Amalfitana, il suo nome deriva dal latino “ragitus”, ossia baciata dal sole. La sua posizione geografica, infatti, la rende esposta al sole per l’intero arco della giornata e dall’alto del suo colle domina il Golfo di Salerno.

Per segnalare le vostre mete preferite, le attività, gli hotel e i ristoranti scrivete a: info@agoramorelli.it